Tra le principali patologie riscontrate nei pallavolisti, ai primi posti troviamo sicuramente quelle della spalla.

Questo complesso, pluriarticolare e di per sé instabile, è spesso ipersollecitato durante le esercitazioni svolte comunemente dai giocatori di volley.

La continua ripetizione di attacchi e battute, effettuate spesso in modo scorretto e senza un adeguato warming up, portano col tempo all’insorgenza di patologie degenerative. Se a queste considerazioni sommiamo il fatto che il tempo dedicato al lavoro di prevenzione e di pesistica destinato a questa articolazione risulta sempre ridotto, ecco che capiamo come mai il dolore alla spalla è sempre più presente, non solo negli atleti professionisti ma anche in quelli di medio livello e nei bambini, dove spesso il peso della palla è elevato rispetto alla forza espressa.

firenzecorsocorso

ACQUISTA ORA IL MANUALE

Numerose sono le patologie che possono insorgere a livello della spalla; tra le più comuni citiamo:

-PATOLOGIE DEGENERATIVE
-TENDINITI DEL SOVRASPINOSO
-TENDINITI DEL BLOCCO SOTTOSPINOSO
-PROBLEMATICHE DI IMPINGEMENT
-LESIONI NERVOSE
-LESIONI MUSCOLARI INSERZIONALI
-PROBLEMATICHE VASCOLARI.

Tra le patologie più riscontrate nei pallavolisti possiamo sicuramente citare la TENDINITE DEL SOVRASPINOSO che genera importanza e dolore durante la fase di caricamento della battuta e dell’attacco. Essa porterà solitamente a dolore anteriore irradiato verso il basso. Tra i principali campanelli d’allarme per questa patologia, è la “classica” riduzione della potenza del gesto di attacco.

L’IMPINGEMENT è una patologia riscontrata prevalentemente nei giocatori principianti nei quali la spalla si presenta instabile: Avremo ipostenia dei muscoli della cuffia dei rotatori e algie soprattutto nel movimento di abduzione tra i 30 e i 60 gradi.

Le LESIONI MUSCOLARI sono riscontrate solitamente a livello inserzionale ed i muscoli maggiormente interessati risultano deltoide e muscoli interscapolari.

Le lesioni nervose, fortunatamente non sono frequenti nel giocatore di pallavolo, se non in seguito a lussazione di spalla.

Abbiamo detto che la spalla è un complesso articolare particolarmente instabile, ma come possiamo intervenire per evitare algie che portino a riduzione della forza espressa e ad aumento del dolore?

L’intervento è in ultimo stadio di tipo medico e fisioterapico, ma la prevenzione è sempre al primo posto, così come la correzione del gesto tecnico.

 

OBIETTIVI DELL’INTERVENTO:

EVITARE SQUILIBRI MUSCOLARI: per la natura del gesto tecnico “in chiusura”, al primo posto mettiamo l’iperattività del muscolo pettorale che dovrà essere contrastata proponendo esercizi di stretching specifici dopo ogni seduta di allenamento.

RETRAZIONE CAPSULARE: esercizi specifici di mobilizzazione e di stretching, andranno a ridurre questo effetto.

IPOSTENIA DEI MUSCOLI DELLA SCAPOLA. Molti pallavolisti presentano deficit a livello dei muscoli della scapola, proporremo quindi degli esercizi specifici che agiscano su questi muscoli in modo da far lavorare nel modo migliore tutto il complesso della spalla.

 

MODALITA’ DI INTERVENTO:

ESERCIZI DI PROPRIOCETTIVA

STRETCHING CAPSULARE

STRETCHING MUSCOLARE

ELASTICI

POTENZIAMENTO MIRATO (non su tutti i muscoli)

MASSAGGIO SPECIFICO

LAVORO IN ACQUA

CORREZIONE DEL GESTO TECNICO.

 

PROPONIAMO NEL VIDEO CORRELATO UNA SEQUENZA DI SEMPLICI ESERCIZI CON GLI ELASTICI DA PROPORRE NELLA FASE DI RISCALDAMENTO.

Basteranno pochi minuti per attivare correttamente tutta la muscolatura che poi sarà sollecitata durante l’allenamento.

Ricordiamo che la velocità di esecuzione risulta importante, cosi come fondamentale risulta il Range di movimento utilizzato.

 

EXTRAROTAZIONI CON RESISTENZA ELASTICA

INTRAROTAZIONI CON RESISTENZA ELASTICA

ABBASSATORI: muscolo G.Pettorale

ABBASSATORI: muscolo G.Dorsale

PULLEY

Gli esercizi proposti, che potrete proporre prima di ogni allenamento, sono adatti ad atleti di ogni età, ovviamente utilizzando resistenze elastiche adeguate. Consigliamo per ogni esercizio di svolgere almeno due serie da 15 ripetizioni. Ricordiamo che le esercitazioni proposte devono essere effettuate SENZA DOLORE!

 

 

 

 

a cura di 
Fisioterapista Giovanna Malchiodi
Nata l’ 11 Aprile 1986 a Milano.
Socio, CEO di Preparazione Fisica Education, responsabile della sezione ePhysio.
Fisioterapista presso la società Igor Gorgonzola Novara (Pallavolo serie A) e presso Novara Baseball (categoria IBL1).
Svolge attività di libera professione presso la società iPhysio di cui è titolare.
Laureata in Fisioterapia presso l’Università Amedeo Avogadro di Novara.
Laureanda in Scienze Motorie e Sport presso l’Università S. Raffaele di Milano.

Lascia un commento