Nell’ultimo articolo della stagione dedicato al potenziamento in acqua da svolgere nella fase di pre season elenchiamo 6 esercizi che tutte le categorie e giocatori possono svolgere durante la seduta .

Per prima cosa è da sottolineare l’importanza di una programmazione dettagliata nella preparazione fisica della pallavolo, sia a carattere generale, cioè quando inserire la seduta di potenziamento in acqua, sia nella singola esercitazione, specificandone al meglio serie, ripetizioni (durata) , intensità.


 

Tutti i sei esercizi di potenziamento verranno svolti in modo che l’atleta possa toccare il fondo, quindi non in fase di galleggiamento, è consigliabile che l’altezza dell’acqua non sia superiore al 1,30m

Esaminiamo insieme gli esercizi che potrete trovare nel video

WarmUp Spalle con le palle mediche con acqua
Prima di una fase di potenziamento sarà opportuno far effettuare una fase di riscaldamento ai nostri atleti. E‘ importante che questa fase non sia ne troppo leggera, non portando l’atleta ad essere pronto per la fase di potenziamento in acqua, ne troppo pesante stancando l’atleta e diminuendo così la sua prestazione durante l’allenamento in acqua.
Con l’utilizzo della FluiBall sarà possibile effettuare un riscaldamento della zona degli arti superiori e della zona core. Il liquido posto all’interno della speciale palla medica ha lo scopo di attenuare il movimento e la velocità di esecuzione in acqua.

Pulley con Tavoletta
Nella fase di potenziamento in acqua l’utilizzo di una semplice tavoletta per il nuoto potrà essere utile per la simulazione ad un esercizio di trazione in acqua. Per evitare che l’atleta alleni sia la fase di trazione che di spinta , la tavoletta una volta completata la fase di trazione verrà sollevata e rimessa in condizioni di partenza passando sopra il pelo dell’acqua.

Spinte con Tavoletta
Con lo stesso principio dell’esercizio precedente l’atleta sarà impegnato nella fase di spinta. Allo stesso modo solleverà dall’acqua la tavoletta per evitate di eseguire la fase di trazione.

Allenamento metabolico 15″ di lavoro 15″ di recupero
Per svolgere una fase di allenamento metabolico in acqua (senza precludere tutti gli atleti/e con basse capacità natatorie) è opportuno svolgere delle attività a vicino e vincolato al bordo della vasca.
15 secondi di recupero tra le varie serie della durata di 15 secondi.
Sarà possibile far eseguire questo blocco di lavoro (15″+15″) per un totale di 6 massimo 10 volte prima di passare all’esercizio successivo.

Allenamento metabolico  10″ gambata – 10″ salti bipodalici – 15″ di recupero
Nella fase di avvicinamento al salto in palestra , sarà possibile abbinare esercizi metabolici con esercizi di potenziamento per arti inferiori facendo eseguire salti massimali bipodalici.
Anche in questo caso l’intero blocco di lavoro (10″ + 10″ + 15″) potrà essere svolto 6/8 volte prima di passare all’ultimo esercizio.

Allenamento metabolico  10″ gambata – 10″ salti ultimi due passi di rincorsa – 15″ di recupero
Per aumentare l’intensità al fine pallavolistico in questa combinazione di esercizi è stata inserita una attività di 10″ di salti con ultimi due passi di rincorsa. Se il fondo della piscina lo permettere (non è scivolosa) sarà possibile eseguire l’intera rincorsa d’attacco della pallavolo.
L’ultimo blocco di allenamento (10″ + 10″ + 15″) potrà essere svolto 6/8 volte prima di passare alla fase di stretching e defaticamento.

SHOP ONLINE

4 DVD


Ogni ruolo della pallavolo deve essere allenato in base al proprio modello prestativo basato su elementi fisici e tecnici

4 DVD
LIBERO

Allenamento per la Velocità, Tempi di Reazione con palla e con ausili didattici. Prevenzione e Potenziamento della zona core per il ruolo del libero

PALLEGGIO

Visione Periferica, Rapidità negli spostamenti , Equilibrio dinamico e forza per gli arti superiori sono fondamentali per il palleggiatore moderno

SCHIACCIATORE

Prevenzione per l’articolazione della spalla, potenziamento del salto e tecnico di ricezione , rendono gli schiacciatori degli atleti a 360°

CENTRALE

Dal primo passo di partenza per il muro, all’importanza degli appoggio nella fase di rincorsa e stacco per l’attacco sono il valore aggiunto al centrale